Con la cosiddetta “pista ciclabile” agli Archi Ancona si conferma come una città invivibile per i disabili

In questi giorni sono proseguiti i lavori per la realizzazione della cosiddetta “pista ciclabile” tra via Marconi e via XXIX Settembre.
Cosiddetta “pista” perché NON ha nulla a che vedere con come dovrebbe essere una ciclabile che tra l’altro NON è nemmeno citata nel decreto “Rilancio” quello secondo cui al Sindaco e alla Giunta è imposto la concretizzazione della stessa.
Nel suddetto decreto, infatti, si parla di “corsie ciclabili” che risultano essere cosa ben diversa dalle “piste ciclabili” NON solo nel nome ma dalle prescrizione del Codice della strada.
Comunque, visto che lo sperpero pubblico di 27000 euro di denaro pubblico è ormai consolidato da questa scelta, come tutte, propagandistica del Sindaco, i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
A parte i problemi di circolazione veicolare, di sicurezza e di tanto altro che ne deriveranno nella quasi ultimazione dei lavori ci si accorge che pedoni e soprattutto disabili sono stati COMPLETAMENTE dimenticati dai nostri geni (s)governanti.
Tra gli slalom fra i pali che i pedoni dovranno affrontare nel tratto di via XXIX Settembre [* foto sotto], dove la “pista ciclabile” è stata realizzata NEL marciapiede, si sono scordati che esistono anche i disabili, come SEMPRE!
Dove potranno passare visto che con questa “grande opera“, sic, è stato quasi COMPLETAMENTE eliminato il marciapiede?
Ancora una volta i disabili sanno che per questa Giunta, che ricordiamo NON si è ancora dotata, e MAI lo farà, come più volte ribadito, di un P.E.B.A. (Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche), NON esistono!
Dimenticati…salvo poi ricordarsene quando ci sono da fare promesse elettorali…
Che campioni che sono Sindaco, Giunta e maggioranza!
Per loro i disabili NON hanno nessun diritto…
Risulta tra l’altro che avranno il coraggio di spendere soldi anche per una cerimonia di inaugurazione!
Altri soldi da spendere su questo scempio realizzato.
Basta!
Sono senza vergogna!
Pensate ai cittadini NON a voi stessi.
Crediamo sia più utile ripristinare il marciapiede originario e consentire il passaggio anche ai disabili in quella zona della città.

Gianluca Quacquarini
Consigliere Comunale Ancona
info@gianlucaquacquarini.com
www.gianlucaquacquarini.com

telegramfacebooktwitter

___________________________________________________________________________________________
Sullo stesso tema:

3 pensieri su “Con la cosiddetta “pista ciclabile” agli Archi Ancona si conferma come una città invivibile per i disabili

  1. …hai assolutamente ragione…la pista ciclabile agli Archi è  assurda…uno spreco di denaro pubblico…un non comprendere che Ancona non e’ una Città  da biciclette o monopattini, non solo  per i disabili ma anche per coloro che risultano…ancora…abili…..sobh!!!Inviato da smartphone Samsung Galaxy.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...