Area Politica “Verso il Partito del Lavoro”: «Il dovere di ricominciare – Ricostruire e riorganizzare a Sinistra in Italia»

Riceviamo dall’Area Politica “Verso il Partito del Lavoro”, e volentieri pubblichiamo, l’Ordine del Giorno conclusivo della loro prima Assemblea nazionale, dal titolo “Il dovere di ricominciare – Ricostruire e riorganizzare a Sinistra in Italia”, che si è svolta a Roma sabato 3 dicembre 2022 c\o il Centro Congressi Frentani. Buona lettura!
P.S.: L’Area Politica “Verso il Partito del Lavoro” nasce all’indomani del Congresso Nazionale di Articolo UNO come Area interna al Partito, ma che si pone l’obiettivo di un dialogo anche con tutte quelle forze esterne che affollano una Sinistra ad oggi molto diffusa, ma estremamente frammentata. L’Area, che si struttura a partire dal famoso Documento dei 300 Dirigenti locali e nazionali che hanno contestato la scelta di confluire nella lista elettorale del PD, oggi si sta organizzando e irrobustendo con l’obiettivo di recuperare quello che considera lo spirito originario di Articolo UNO (ormai destinato a scomparire dentro il processo congressuale del PD) e cioè quello di ricostruire il Italia un Partito politico della Sinistra, socialista, ecologista e femminista, in grado di dare rappresentanza istituzionale al Lavoro e alla “questione sociale“.
_______________________________________________________________

ASSEMBLEA NAZIONALE dell’Area “Verso il Partito del Lavoro”

O.D.G. Conclusivo

Iscritte ed Iscritti ad Articolo Uno, Compagne e Compagni comunemente ed individualmente impegnati nel processo di ricostruzione e riorganizzazione della sinistra italiana, oggi 3 dicembre 2022 con l’organizzare e svolgere questa Assemblea Nazionale rinnovano e danno nuovo impulso al loro impegno per restituire alle forze del lavoro ed agli strati sociali che stanno pagando il prezzo più alto della crisi economica, sociale, occupazionale che sta vivendo il nostro paese, la rappresentanza politica della quale sono privi ormai da tempo.

L’allontanamento di milioni di italiani dal voto, dalla partecipazione alla vita democratica, il sempre più evidente rifiuto a riconoscersi nelle attuali forze politiche in campo impongono di assumere la piena consapevolezza che quanto abbiamo tentato di costruire in questi anni non si dimostra in grado di affrontare con successo le grandi sfide che sono davanti al nostro paese.

  • il dispiegamento dell’attuale processo di globalizzazione dell’economia, dei mercati, del lavoro;
  • le difficoltà di avanzamento del processo di integrazione europea che sembra non in grado di spingersi oltre l’unificazione monetaria;
  • l’attuale fase di sviluppo del capitalismo finanziario con le ingiustizie, la mercificazione del lavoro, e dell’ambiente, le accresciute disuguaglianze verso le quali sta trascinando nazioni e continenti;
  • le conseguenze politiche, territoriali, militari della messa in discussione della stagione dell’unipolarismo scaturito dalla caduta del muro di Berlino e dal dissolvimento dell’unione sovietica;
  • la guida del nostro paese consegnata alla destra, impongono la ridefinizione di un nuovo assetto politico, organizzativo, ideologico dell’intera sinistra italiana.

Presupposto di questo straordinario e difficile impegno dovrà essere anche una attenta analisi delle forze politiche che si muovono nel campo progressista.

Il partito democratico ha definitivamente assunto un posizionamento politico neocentrista, governista e di fatto interclassista e non può oggi essere considerato il baricentro della modernizzazione e del riscatto del nostro paese.

Come forza sinceramente democratica, garante del dettato costituzionale ed attenta ai diritti civili, sarà tuttavia un indispensabile alleato di chi rappresenterà le istanze di cambiamento del modello sociale ed economico esistente e di rappresentanza di larga parte dei ceti medi produttivi, del lavoro e degli strati sociali non protetti, precariati e marginalizzati.

Il movimento 5 stelle non rappresenta soltanto una forza progressista che rivendica giustamente la sua autonomia negando al contempo la sua subalternità ma una grande novità politica meritevoli di rispetto e considerazione con la quale costruire una solida alleanza strategica.

Una novità che nel tempo ha scelto di stare dalla parte del cambiamento e dei più deboli e quindi un alleato naturale ed indispensabile che, pur al di fuori della storia e della cultura della sinistra italiana, va collocato all’interno di un rinnovato centro sinistra chiamato a misurarsi con le nuove sfide che verranno avanti.

Un processo di ricostruzione e di riorganizzazione della sinistra in Italia non può prescindere dai rapporti e dal pieno coinvolgimento di Sinistra Italiana, con cui va riaperto un dialogo critico e costruttivo sulle vicende anche recenti che hanno interrotto l’esperienza di LEU.

Infine, esiste un vasto mondo legato al movimento pacifista, al civismo, all’ambientalismo, al volontariato, alla difesa della laicità dello Stato, alle lotte su obiettivi imprescindibili dei diritti, ed in questi dei diritti LGBTQ+, del femminismo, del mondo della cultura, della sanità, che costituisce il vero bacino in cui si sviluppano le istanze e le prospettive di una nuova società in Italia.

Questo quadro impone la definizione di un nuovo assetto politico, organizzativo, ideologico dell’intera sinistra, una ridefinizione in grado di metterci nelle migliori condizioni per contrastare l’attuale egemonia delle destre e riconsegnare agli strati subalterni del nostro Paese gli strumenti politici del proprio riscatto.

Nostro compito del momento è concorrere con convinzione, coraggio e coerenza alla ricostruzione e riorganizzazione di una nuova grande soggettività politica autonoma, plurale ed inclusiva della sinistra italiana, una soggettività ispirata ai valori della Pace, della Libertà, dell’Uguaglianza e dell’Eco socialismo come orizzonte ideale e politico.

Una soggettività politica da ricollocare in un quadro di alleanze per la guida del Paese ma nella quale si rendano ben chiari e distinti chi ciascuno rappresenta e per quali obiettivi si dà luogo all’alleanza.

Nei prevedibili cinque anni che ci separano dalla prossima legislatura noi avremo quindi il compito non soltanto di concorrere a questa ricostruzione ma anche quello di ricomporre quel campo largo di alleanze di centro-sinistra necessario per sfidare e competere per la guida dell’Italia.

Muoverci con convinzione in questa direzione può contribuire a far decollare, senza più diffidenza e con meno distingui, un processo che non può essere rinviato, ben sapendo che l’unico grande interesse che ci muove è la pace, il progresso del nostro Paese, il suo riequilibrio sociale, la restituzione alle generazioni che verranno di una grande forza Popolare della sinistra ancorata ai valori della Libertà, dell’Uguaglianza, del Socialismo.

L’Assemblea è consapevole degli errori e delle contraddizioni che hanno portato anche alle nostri recenti sconfitte ma allo stesso tempo della necessità di colmare un vuoto di rappresentanza politica divenuto ormai ingiustificabile quanto inaccettabile.

Limpidi quindi sulla nostra identità, coraggiosi nella lotta politica, cultura e volontà unitaria per battere gli avversari di sempre. È attraverso queste coordinate fondamentali che proseguiremo il nostro impegno per ricostruire e riorganizzare la sinistra italiana.

Roma, 3 Dicembre 2022

Area Politica “Verso il Partito del Lavoro”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...